La Storia

Il Volontariato Vincenziano

Fondata da San Vincenzo de’ Paoli a Châtillon-Les-Dombes nel 1617, l’associazione è impegnata nella promozione umana e cristiana dei più poveri mediante il servizio nei loro ambienti ed incontri interpersonali finalizzati ad una liberazione da stati di solitudine ed emarginazione.

I volontari sono laici cattolici e seguono gli insegnamenti del Vangelo e del Magistero della Chiesa. Tutti lavorano gratuitamente secondo la loro libera scelta. L’associazione promuove la formazione periodica dei propri membri volontari per un’azione organizzata, continuativa e competente attraverso verifiche ed aggiornamenti tecnico-culturali con le istituzioni locali, consigli cittadini e convegni regionali.

Il Volontariato Vincenziano a Firenze

Il Volontariato Vincenziano è presente a Firenze dal 1858, voluto fortemente da una Figlia della Carità, Suor Vincenza Tonini. Con il nome di “Dame di San Vincenzo” prima, e successivamente “Gruppi di Volontariato Vincenziano”, generazioni di volontari hanno svolto la loro opera di carità e contano attualmente cinque gruppi attivi.

Cambiano nel tempo le situazioni di povertà ma il servizio dell’associazione conserva un suo proprio stile. Vengono privilegiate l’assistenza domiciliare alle famiglie, gli incontri sul territorio e le visite di verifica.

La nuova sede offre spazi adeguati per il centro d’ascolto e la distribuzione dei pacchi alimentari che viene fatta due volte al mese, il servizio di guardaroba e quello di segreteria.

Il gruppo di San Bartolo a Cintoia lavora invece in stretta collaborazione con la parrocchia e la Caritas.

Dona il 5 x 1000

al Volontariato Vincenziano
inserendo il codice fiscale

94046280486

nella tua dichiarazione dei redditi